Tutto il mondo è un palcoscenico
e gli uomini sono soltanto degli attori,
che hanno le loro uscite e le loro entrate.
E ognuno,nel tempo che gli è dato
recita molte parti...
William Shakespeare

BENVENUTI NEL MIO BLOG

BENVENUTI NEL MIO BLOG

lunedì 1 marzo 2010

DONNE E STORIA


GIUSEPPINA de BEAUHARNAIS- A mezzogiorno del 2 giugno 1814, un corteo usci’dalla Malmaison, la villa di campagna di Giuseppina, moglie ripudiata di Napoleone,
scortavano la bara di colei che era stata incoronata imperatrice dei francesi, un drappello di guardie russe seguite dai bambini di Ortensia
la figlia di Giuseppina. Le campane suonarono a morto e i soldati russi fecero rullare i tamburi, un coro di 20 bambini cantò inni sacri
durante il rito officiato dall’arcivescovo di Tours.Scompariva cosi’ l’unica donna amata veramente da Napoleone,colei a cui si rivolse sempre,
anche dopo il divorzio, per avere conforto.
Napoleone aveva conosciuto Giuseppina al Luxembourg, presentata dal Barras, divenuto uno dei membri più influenti del Direttorio,
si diceva che ne fosse l’amante e che lui si fosse annoiato di lei,sperava difatti di liberarsene passandogliela al giovane generale.Napoleone
ne rimase abbagliato,il soldato virtuoso,abituato a soffrire la fame e che non aveva tempo per le avventure di cuore, conobbe finalmente
l’amore appassionato. Dirà nelle sue memorie:”era una vera donna.”Giuseppina era una creola della Martinica,aveva sposato giovanissima
il generale de Beauharnais,ghigliottinato durante la Rivoluzione ed lei stessa era stata molto vicina a fare la stessa fine. Finita la
Rivoluzione, senza una lira,si era buttata nella vita galante di Parigi ,collezionando facoltosi amanti.Elegante,fascinosa, colta ,di non rigida
moralità,annoda preziose relazioni nel mondo politico.Sposa Napoleone,veramente invaghito di lei, perchè non ha niente altro di meglio,
il giovane generale(lei ha quasi 10 anni di più)gli sembra al momento il male minore e non può certo immaginare di ritrovarsi un giornouna corona imperiale sulla testa.Nei primi anni di matrimonio lo tradisce continuamente, collezionerà un bel numero di amanti e di appalti
per forniture militari.Lei è sempre al corto di soldi, perché ne spende tanti e cosi’ riesce ad averne una quantità enorme.Scoperta dal marito
che stavolta è deciso a mandarla via,gli promette ancora una volta fedeltà e questa volta riesce a mantenerla per sempre, e saranno anni bellissimi.
Divenuto imperatore, Napoleone ,si decide a chiedere il divorzio,è soprattutto per smania di potere e ambizione:vuole sposare difatti una vera principessa di sangue reale e avere un erede che possa legittimarlo dinnanzi ai sovrani europei.Cosi’sarà difatti, sposerà la 16enne Maria
Luisa,una principessa Asburgo,la più antica dinastia europea e da lei avrà un figlio maschio. Ma sarà per caso o per fatalità, tutto si risolverà in male dopo il divorzio:Giuseppina morirà appena quattro anni dopo, Napoleone dopo sette e il piccolo erede a
ventuno anni abbandonato persino dalla sua stessa madre.

4 commenti:

sara ha detto...

Ciao Marzia...altro che sesso debole!
Buona settimana.

Cavaliere oscuro del web ha detto...

Un personaggio molto forte.Grazie della visita,complimenti per le foto sulla Sicilia, veramente belle.Ti auguro un buon inizio di settimana,saluti a presto

Lina-solopoesie ha detto...

Marzia
Questo si che è un bel post...
" DONNE E STORIE"
Maria Giuseppina Rosa de Tascher de la Pagerie, meglio nota come Giuseppina di Beauharnais , che grande donna, ...è un personaggio di Eroica – La gloria di Napoleone manga di Riyoko Ikeda.
La cantante Tori Amos ha scritto un canzone intolata Joséphine, basata sulla figura dell'Imperatrice, Elisabetta I,
Poi ci sono tante altre , ti cito, Maria Stuarda, Caterina di Russia, Giuseppina Beauharnais, Maria Antonietta, Carlotta Corday, Marie Curie ecc.
Donne che ammiro molto per la lora forza e caparbietà .
L' uomo ha poco da illudersi, la vera chiave del destino della storia è stata la donna!
I signor uomini ...Continuano a picchiare sul tasto dell' importanza delle donne,ma pariamo di quelle veramente grandi, non quelle invidiose e vendicative, quelle che hanno reso forte un
grande uomo o lo hanno distrutto infatti, dietro a tutto vi sono sempre le donne!
Marzia diciamo la verità sull'importanza e della complessità della donna, e che proprio per il suo essere complicata e complessa è sempre
stata "invidiata" dall'uomo al Potere che in tutti i modi ha tentato di denigrarla,
prevaricarla, umiliarla poichè in realtà solo lei ha il potere della creazione, il potere di allevare i figli e il potere di salvare
l'innocenza ..ossia la Grande Luce che il Potere mero e meschino cerca con tutto sè stesso di "spegnere" per rovinare il mondo.
L'uomo occorre..... certo! non è meno importante della donna e nessuno vuol togliere all'uomo nessun merito, ma se la NATURA stessa ha dato alla donna la responsabilità della riproduzione della specie un motivo ci sarà.
La Donna Crea la Donna Distrugge:

siamo dei congegni apparentemente delicati, ma la natura ci ha dotate di una complessità tale che
l'UOMO senza di noi non esisterebbe....la donna, invece, troverebbe il modo di riprodursi ugualmente...e di questo ne sono
FERMAMENTE CONVINTA...O SBAGLIO?
UN BACIO MARZIA
LINA

il monticiano ha detto...

Avevo proprio bisogno di una lezione come quella di questo tuo post che vengo a visitare per la prima volta. Noto con piacere che abbiamo dei comuni blogger amici ed anche che amiamo i gatti: ciccio bello e cicciolina sono bellissimi.
Altro particolare degno di nota sei di Messina ed io figlio, nipote e pronipote di siciliani - provincia di Trapani.
Un saluto.